La storia dell’albero di Natale

Leggende, fatti storici e curiosità

Tempo di lettura 3′

Foto da Pexels

Fare l’albero è una tradizione relativamente nuova per noi, spesso associata al pagano o al Natale commerciale. Visto che si tratta di un albero ne parliamo anche noi di Giornal di Bosco. 

Cinquecento anni di evoluzione

Diverse sono le fonti internet in cui si trova la leggenda di come sia nato il primo albero di Natale come lo intendiamo noi. Secondo questa leggenda, in una gelida notte d’inverno, Martin Lutero stava rincasando quando vide le stelle del cielo brillare attraverso i rami di un abete. La scena gli piacque talmente tanto che decise di ricrearla in casa per mostrarla alla sua famiglia. Recise quindi un abete e lo addobbò con delle candele. Anche se questa storia non viene raccontata sui siti online tedeschi, ma  in quelli italiani e in lingua inglese, pare vero però che l’albero di Natale esistesse già ai tempi di Martin Lutero nel 1500 e che questa tradizione provenga proprio dalla Germania.

La più antica testimonianza degli alberi di Natale si ha nel 1597, dai documenti delle corporazioni artigiane di Brema, dove gli alberi in questione erano addobbati con mele, noci e dolciumi per la gioia dei bambini. Nel 1600 l’usanza di portare gli alberi in casa si diffuse anche nella classe borghese e sappiamo per certo che nel 1700 l’albero veniva illuminato con le candele. Nel 1774, infatti, Goethe pubblica “I dolori del giovane Werther nel quale il protagonista, Werther, fa visita a Charlotte, la donna di cui è innamorato. È quasi Natale e in casa di Charlotte compare un “alloro illuminato ornato di dolci e di mele”. I tedeschi poi esportarono questa tradizione anche nel resto del mondo. Per esempio, la regina Carlotta, moglie tedesca del re inglese Giorgio III, allestì un albero di Natale nel castello di Windsor nel 1800, introducendolo di fatto in Inghilterra. Nel 1891 veniva eretto il primo albero di Natale alla Casa Bianca e nel 1982 papa Giovanni Paolo II ha eretto il primo in piazza San Pietro.

Gli albori nelle tradizioni pre-cristiane

La tradizione dell’albero di Natale ha radici nello Yule, la festa germanica pre-cristiana del solstizio d’inverno, che cade il 20 e il 21 dicembre. Durante questa festa rami di piante sempreverdi venivano appesi in casa o per le strade per celebrare il ritorno del sole, l’allungarsi delle giornate, la fertilità e il rinverdimento che avrebbe portato in primavera. Non venivano scelti solo rami di abete quindi, ma anche di tasso, bosso e agrifoglio. Anche gli antichi romani celebravano il solstizio d’inverno con giornate di festa chiamate Saturnalia dove la gente decorava le proprie case con del verde. Attorno all’anno 300, la data della nascita di Gesù è stata convenzionalmente fissata al 25 dicembre proprio per sostituire le feste pagane precedenti. Poi soprattutto le tradizioni dello Yule sono diventate tradizioni natalizie. Non a caso nelle lingue scandinave Natale si dice Jul!

Piantagioni di alberi di Natale e film americani

Piantagione di abete rosso, tipiche soprattutto dei Paesi del nord. Foto da Pexels

Se in Italia l’albero di Natale che abbiamo in casa è fatto di plastica, in molti altri paesi si scandalizzerebbero alla sola idea. All’estero esistono piantagioni di piccoli abeti tutti in fila pronti per essere venduti in quei mercatini nelle piazze delle città che vedete nei film americani. La gente si sceglie l’albero che vuole e se lo porta via. Oppure c’è chi se lo sceglie direttamente alla piantagione, lo abbatte e lo porta a casa nei loro grossi pick-up.

I più usati alberi di Natale sono gli abeti (genere Abies), del quale il più comune è l’abete bianco (Abies alba). Avete presente la canzone natalizia “O Tannenbaum”? Tannenbaum significa abete in tedesco! Un’altra specie molto usata è il peccio, comunemente noto come abete rosso (Picea abies), ma vengono usate anche altre specie di abete e di pino. L’esclusiva di vedere una piantagione di alberi di Natale non è più riservata solo a chi va nei Paesi del nord, perché anche in Italia si stanno diffondendo i vivai di abeti rossi. Si affermeranno anche da noi gli alberi di Natale veri? 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: