Breve guida alla lettura di un bosco

A cosa fare attenzione per capire un bosco durante una passeggiata

Quando si conoscono le cose le si apprezza di più. Ecco una guida che aiuterà il lettore in pochi semplici passi a conoscere un po’ di più il bosco in cui sta camminando.

Chi sono gli abitanti del bosco?

Questa è la prima domanda da porsi. Il bosco è un insieme complesso dove interagiscono tra loro materia, energia e organismi viventi. E’ un ambiente molto affollato: non ci sono solo animali e piante, ma anche funghi e batteri. Tuttavia gli “inquilini” più facili da osservare sono gli alberi. Da quali specie arboree quindi è composto il nostro bosco? Possiamo contare tutte le specie presenti? Ce n’è una predominante? Questa informazione ci dà un’idea anche di quali altre specie potremmo trovare. Per esempio, in un bosco di pini è facile trovare la processionaria (una falena che allo stadio larvale è un bruco ricoperto di peli urticanti), e di conseguenza ci potrebbe essere l’upupa che si nutre delle sue larve. Gli animali non sono facili da vedere, ma si possono sentire e se ne  può dedurre la presenza. Per esempio: se si avvistano topolini ci saranno anche i rapaci notturni; se ci sono cervi attenzione alle zecche! Portiamoci dunque una guida per il riconoscimento degli alberi o scarichiamoci delle app per il riconoscimento delle specie vegetali e dei versi degli uccelli, come PlantNet e BirdNET.

Che età hanno gli alberi?

Nella maggior parte delle foreste per capire se gli alberi sono vecchi o giovani si osserva la grandezza dei fusti, ovvero il diametro e l’altezza. Esistono casi in cui la crescita dell’albero è limitata a causa di condizioni avverse, per cui alberi vecchi non superano il metro d’altezza. In generale, però, gli alberi più grossi sono gli adulti del bosco e si dicono maturi. Gli alberi piccoli sono i bambini del bosco e rappresentano la sua rigenerazione chiamata rinnovazione. Osservare l’età degli alberi ci consente di capire un po’ da dove viene, dov’è e dove andrà quel bosco. Se ci sono pochi alberi maturi vuol dire che la foresta è ancora in fase di crescita e negli  anni precedenti ha affrontato un “disturbo” di tipo naturale come un incendio, oppure generato da intervento umano come un taglio.

Com’è la rinnovazione?

Osservare la rinnovazione dà un’indicazione su come sarà quel bosco negli anni a venire. Gli alberelli giovani infatti costituiranno la  generazione seguente di abitanti del bosco. Di che specie è la rinnovazione? È la stessa degli alberi maturi attuali o è diversa? Se gli alberi grandi sono prevalentemente abeti, ma c’è molta rinnovazione di faggio, allora ci dovremmo aspettare nel futuro uno slittamento verso un bosco di latifoglie. A volte è l’uomo a dare un nuovo indirizzo al bosco favorendo, attraverso i tagli, la rigenerazione di una specie piuttosto che un’altra. Altre volte invece è la natura a dettare lo slittamento, come quando le specie pioniere, ovvero quelle specie che si insediano per prime in un’area sfavorevole o degradata, cedono il terreno da loro preparato ad altre specie. Osservare se la rigenerazione è presente, qual è e com’è, è comunque un’osservazione interessante.

Come sono distribuiti gli alberi?

La distribuzione degli alberi ci fa capire la gestione del bosco, ovvero quanto e come l’uomo ci abbia messo mano. Se gli alberi sembrano distanziati omogeneamente tra di loro o addirittura si possono individuare linee di alberi, allora vuol dire che sono stati piantati da qualcuno molti anni fa. Se il bosco ha un aspetto più selvaggio, non vuol dire necessariamente che non sia gestito dall’uomo attraverso interventi forestali, ma che le scelte di gestione sono a favore di un aspetto più naturale. Presenza di tronchi morti a terra, piante da sottobosco e cespugli sono indicatori di quest’ultimo sistema di gestione.

Queste sono quattro semplici e brevi osservazioni di carattere generale che si possono fare per rendere più interessante la camminata. Quante ancora ne possiamo fare la prossima volta che passiamo per un bosco?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: