Home

Benvenuti in

Ultimi Articoli

Generale, il peccio combattente

I collettivi sono strutture boschive tipiche delle zone al limite superiore degli alberi, la zona di passaggio tra i boschi e prati alpini. Queste formazioni hanno una funzione protettiva e impediscono la formazione delle valanghe.

—-

Generale era un vecchio abete rosso. E anche se apparteneva all’illustre famiglia delle Pinaceae non assomigliava così tanto agli altri pecci. Generale viveva ormai da molti anni al “confine”. Era un cocciuto combattente e aveva deciso che quello era il suo posto! Lì al confine riusciva ad essere libero e soprattutto a dare protezione ai suoi soldati. La sua armata si chiamava Primo Collettivo.

Alberi come parti di “solide strutture” contro i cambiamenti climatici

Il legno è bello. Non credo ci sia la base su cui discutere ed essere in disaccordo con questa affermazione. A tutti piace un bel mobile, un pavimento o le travi di un solaio o di un tetto, tutto di legno. E se vi dicessi che non è solo bello? Che si possono fare dei grattacieli in legno e che così facendo contribuiremmo a combattere e i danni del cambiamento climatico? Insomma non vi starei mentendo e nell’articolo di oggi vi parlo del legno come materiale bello, utile per un’edilizia efficiente e che ci può aiutare a mitigare i cambiamenti climatici se utilizzato correttamente. Per capire vi basterà leggere 😉

Legno morto: indice di incuria o risorsa forestale?

Spesso abbiamo la percezione che un bosco dove troviamo alberi morti caduti o ancora in piedi, sia disordinato e lasciato a sé stesso. Invece, il legno morto ha una funzione molto importante per il bosco. Quando un albero muore, infatti, diventa cibo e riparo per molti altri organismi, come funghi, licheni, insetti e piccoli animali vertebrati. Il legno morto inoltre concima il terreno forestale, perché la sua disintegrazione apporta nutrienti al suolo. Per questo, nella selvicoltura moderna lo si lascia volentieri in bosco.

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.


Ultime notizie

Vuoi scoprire di più su come i media trattino le foreste d’Italia e del mondo? Qui puoi trovare altri punti di vista!


Rubriche

WORK IN PROGRESS – Qui .. Storie di vita di chi lavora nel settore forestale, mete interessanti per appassionati di botanica, libri e altri racconti di boschi…


Glossario

Anche nel mondo forestale è presente un linguaggio specifico, acronimi e curiosità che potrete esplorare qui!

Perchè è nato Giornal di Bosco?

  • Con molta semplicità vogliamo incuriosire i nostri lettori sulle foreste e sulle scienze forestali
  • … legno, funghi, frutti, attività in foresta. Vogliamo far capire quanto i boschi facciano parte della nostra vita più di quanto possiamo pensare.
  • E già che ci siamo proviamo a sfatare un po’ di falsi miti e luoghi sulle foreste e su chi se ne occupa di mestiere!

“Le scienze forestali non riguardano gli alberi, ma le persone. Hanno a che fare con gli alberi solo nella misura in cui questi possono soddisfare i bisogni dell’uomo.”

(Frase attribuita a Jack Westoby)
Su di noi

Siamo degli entusiasti delle scienze forestali che vogliono portare un po’ di consapevolezza sul settore forestale al grande pubblico

Contattaci e collabora con noi

giornaldibosco@gmail.com